Opere edili. On line il nuovo prezzario di Reggio Emilia

copertina prezzario opere edili

Disponibile gratuitamente un supporto per gli operatori del comparto edile

di Matteo Ruozzi

E’ disponibile sul sito della Camera di commercio di Reggio Emilia, la nuova edizione del volume Prezzi informativi – materiali da costruzione ed opere edili, che consente la consultazione gratuita on line dei prezzi delle oltre 7.000 voci componenti il listino.

Non solo aggiornamento dei prezzi rispetto all’andamento del mercato

L’edizione del prezzario delle opere edili 2019 ha impegnato una apposita Commissione tecnica e alcune sottocommissioni in seno alla Camera di commercio, con il risultato di una revisione complessiva dei principali contenuti del volume.

Non solo aggiornamento dei prezzi rispetto all’andamento del mercato, ma anche alle diverse voci (con cancellazioni e new entry) riferite a materiali e opere.

Gli operatori dei vari comparti del settore edile possono così disporre di una pubblicazione che spazia dai costi della manodopera in cantiere ai costi dei materiali per le opere edili, dei lavori ed opere compiute e dell’impiantistica nelle sue voci più importanti, tra le quali gli impianti elettrici, la domotica, gli impianti per gli ascensori e gli impianti termici.

Opere edili: una nuova sezione sulla climatizzazione

Il prezzario delle opere edili, tra l’altro, contiene anche l’aggiunta ex novo della sezione dedicata ai “Controlli e manutenzioni degli impianti per la climatizzazione invernale e/o estiva degli edifici”, per la quale è già in programma a cadenza annuale un ampliamento delle singole voci.

La revisione di cui è stato oggetto il prezzario delle opere edili consente di avere a disposizione uno strumento aggiornato e valido a tutti gli effetti e nei vari contesti in cui gli operatori del settore si trovano ad agire (negli studi tecnici, in cantiere, ecc.) e nelle varie situazioni che essi debbono affrontare, incluse le controversie che possono nascere tra committenti ed esecutori.

Comparto edile non ancora uscito dalla crisi

L’edizione 2019 del prezzario delle opere edili si inserisce in un contesto economico di un settore, quello delle costruzioni, che fatica ad uscire dalla crisi.

L’indagine congiunturale Unioncamere (relativa al II semestre dell’anno appena concluso) sul settore delle costruzioni in Emilia Romagna infatti, confermando i trend nazionali, ha individuato tra aprile e giugno 2019 una diminuzione del volume d’affari .

La diminuzione ha avuto effetti più pesanti per le imprese fino a nove dipendenti, mostrando invece segni moderatamente positivi per le imprese più strutturate.

Così come, secondo quanto riportato al Registro delle Imprese a livello regionale, a fine giugno 2019, il numero delle imprese attive nelle costruzioni è diminuito di 751 unità (-1,1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un andamento che risulta essere leggermente peggiore rispetto a quello nazionale (-0,6%).

E se nemmeno gli investimenti pubblici in edilizia sono stati sufficienti a recuperare le pesanti perdite registrate in quasi un decennio di crisi, anche le previsioni per il 2020 non sono positive; previsioni che portano ancora a rinviare ipotesi di ripresa sostanziale del settore.

Affidabilità e trasparenza nelle fasi di lavoro del comparto edile

In un quadro del settore delle costruzioni ancora in fase di stallo, sia a livello nazionale che locale, il volume è un punto di riferimento anche per promuovere affidabilità e trasparenza in tutte le fasi di lavoro del comparto edile.

image_pdf