Torna il concorso enologico “Matilde di Canossa. Terre di Lambrusco”

Riflettori  sulla nona edizione. Grandi novità sia nelle modalità di selezione che nella promozione dei vini lambruschi.

Completamente rinnovato nel format e nelle modalità promozionali, il Concorso enologico “Matilde di Canossa. Terre di Lambrusco” è  l’iniziativa  promossa dalla Camera di commercio di Reggio Emilia, Regione Emilia-Romagna e Apt Servizi, in collaborazione con i Consorzi di tutela del Lambrusco di Modena e di Reggio Emilia per valorizzare le produzione agroalimentari di eccellenza, in particolar modo il vino lambrusco. Quest’anno la manifestazione è inserita nel più ampio progetto triennale Lambrusco Experience promosso da APT Servizi.

Lambrusco Experience si propone di raccontare al mondo intero un prodotto eccezionale attraverso gli occhi di sei  sommelier di fama internazionale. Sarà un viaggio attraverso il cuore della Food Valley italiana, dove i Sommelier troveranno luoghi e incontreranno persone che rendono unico nel mondo questo territorio.

Tra le novità, il conferimento della medaglia d’oro ai migliori lambruschi e, nella serata di gala della premiazione, la consegna dei “Lambrusco Awards”.

Il concorso permetterà una visibilità nazionale ed internazionale ai vini selezionati. Tra le iniziative previste infatti ci saranno la premiazione con cena di gala alla presenza di oltre 20 giornalisti rinomati a livello nazionale ed internazionale e la consegna dei “Lambrusco Awards” ai vini che avranno vinto il Diploma con medaglia d’oro.

Durante la premiazione è prevista l’anteprima del format FoodNetwork International di Discovery Channel dedicato al Lambrusco.

Particolare curiosità per l’ospite speciale alla serata, testimonial di eccellenza, conosciuto a livello nazionale, che verrà svelato nei prossimi giorni.

Sono previste anche visite dei giornalisti italiani e stranieri alle cantine selezionate, una nuova carta turistica dell’Emilia-Romagna con l’indicazione delle cantine selezionate dal concorso e la Guida “Terre di Lambrusco 2018” in versione rinnovata.

Al Concorso sono ammessi i vini prodotti con prevalenza dei vitigni Lambrusco per almeno l’85% con uve delle vendemmie 2017, 2016 e/o precedenti e vi possono partecipare le Aziende produttrici delle province di Reggio Emilia, Mantova, Modena e Parma.

La Giuria chiamata a valutare i vini sarà composta da diverse commissioni, ognuna delle quali è formata per pubblico sorteggio. I campioni di vino, prima di essere sottoposti all’esame delle Commissioni, saranno rigorosamente anonimizzati.  

Mentre si avvicinano le due intense giornate di selezione dei campioni presentati al Concorso enologico “Matilde di Canossa-Terre di Lambrusco” (in programma il 24 e 25 maggio), 

nella foto a fianco Matilde di Canossa – Terre di Lambrusco. La giuria 2017, 

la Camera di Commercio di Reggio Emilia dà il via alle azioni legate ad un evento più che mai proiettato verso i mercati internazionali.

Martedì 15 maggio, infatti, sarà a Reggio Emilia un nutrito gruppo di operatori commerciali del settore wine provenienti da Stati Uniti, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Regno Unito, Finlandia, Canada, Repubblica Ceca e Polonia; dall’altra parte del tavolo, 16 imprese vitivinicole interessate a rafforzare i legami commerciali con questi Paesi e già protagoniste, lo scorso 19 aprile, di un workshop  dedicato ai diversi elementi  (dalla comunicazione alle diverse culture alimentari) utili ad accrescere le relazioni con i mercati esteri.
I buyer stranieri provengono da aree decisive per le esportazioni reggiane: gli Stati Uniti, ad esempio, con 26,8 milioni di euro rappresentano, da soli, il 32% dell’intero export reggiano di vini (82,8 milioni), mentre la Germania vale oltre il 22% di quelle europee, pari a 26,8 milioni di euro.
Insieme a questi big, un gruppo di paesi, a partire da Gran Bretagna, Repubblica Ceca e Canada (dove il valore delle esportazioni di vini locali vale, rispettivamente, 1,5, 0,55 e 0,54 milioni di euro), in cui si registrano condizioni tali da rendere possibile un ulteriore incremento dei flussi.

Il confronto prevede, in mattinata, incontri individuali tra gli operatori commerciali stranieri e le imprese reggiane, che potranno far degustare fino ad un massimo di 4 vini di loro produzione e concordare visite in azienda, cui è dedicato il pomeriggio.Gli incontri – organizzati dalla Camera di Commercio di Reggio Emilia in collaborazione con Promec, l’Azienda speciale della Camera di Commercio di Modena – si terranno nella sede camerale di Mancasale.

Matteo Ruozzi   

Per approfondimenti:

www.re.camcom.gov.it

http://www.concorsolambrusco.it/

promozione@re.camcom.it