Landi Renzo approva la trimestrale

Il Consiglio di Amministrazione di Landi Renzo, riunitosi sotto la presidenza di Stefano Landi, ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2018.

Il Gruppo ha registrato risultati che riflettono i primi effetti positivi della ristrutturazione industriale avviata e che verrà completata entro maggio 2018 e della ri-focalizzazione delle attività del Gruppo sul settore automotive, con la cessione del comparto Sound e il deconsolidamento di quello della distribuzione gas. Migliorano in maniera sostanziale i principali indicatori economico-finanziari, e sono state avviate tutte le attività prodromiche allo sviluppo commerciale, sia sul canale OEM (con focus su metano ed Heavy Duty) che sul canale AM.

“In questi primi mesi dell’anno siamo ripartiti con forza dal potenziamento del nostro core business, l’attività nel settore automotive, per diventare un player globale, pur mantenendo solide radici nel nostro territorio. Stiamo lavorando con determinazione per continuare a sviluppare il nostro business con la massima attenzione all’eccellenza dei servizi, in un contesto di mercato che continua ad essere sfidante”, ha commentato Stefano Landi, presidente di Landi Renzo S.p.A.

I ricavi complessivi del Gruppo nei primi tre mesi sono stati pari ad Euro 42.037 migliaia, in diminuzione rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (-10.1%, Euro 4.737 migliaia), per effetto del cambio di perimetro (escono dai ricavi consolidati SAFE per effetto del conferimento del Settore Gas Distribution e Compressed Natural Gas nella joint venture SAFE&CEC S.r.l., nonché il Settore Sound per effetto della cessione di Eighteen Sound a B&C Speaker), mentre a parità di perimetro i ricavi del Settore Automotive nei primi tre mesi dell’esercizio 2018 passano da Euro 40.838 migliaia nel 2017 ad Euro 42.037 migliaia nel 2018, registrando un incremento del 2,9% (Euro 1.199 migliaia). Tale miglioramento è stato determinato principalmente dall’aumento delle vendite sul canale After Market, salite di circa il 5,7%.

I ricavi realizzati sul segmento OEM, che rappresentano il 40,8% dei ricavi totali del Gruppo al 31 marzo 2018, risultano essenzialmente in linea con i ricavi consuntivati nel medesimo periodo dell’anno precedente.

Nei primi tre mesi del 2018 l’81,2% del fatturato consolidato è stato effettuato all’estero confermando la forte vocazione internazionale del Gruppo, nonché frutto di un nuovo progetto strategico di riorganizzazione commerciale, con l’obiettivo di accelerare la go-to-market strategy a livello globale e lanciare un team focalizzato sul mercato Heavy Duty.