Home > Primo piano > Centri agroalimentari in rete per essere più competitivi

Centri agroalimentari in rete per essere più competitivi

firmatari accordo centri agro

I tre Centri agroalimentari Caab, Caar e Cal siglano   un protocollo d’intesa che segna l’avvio di un processo di aggregazione organizzativa e operativa tra le tre società di gestione dei mercati ortofrutticoli all’ingrosso di Bologna, Rimini e Parma. Un modo per migliorare competitività ed efficienza puntando su servizi innovativi e sinergie operative

Più competitività a servizio dei consumatori e maggiori servizi per gli operatori commerciali con l’obiettivo di trainare le economie del territorio. Risultati da raggiungere attraverso la collaborazione e l’integrazione delle strategie commerciali e organizzative dei tre centri agroalimentari all’ingrosso e partecipati dalla Regione Emilia-Romagna – Centro Agro Alimentare di Bologna (Caab), Centro Agro Alimentare e Logistica di Parma (Cal) e Centro Agro Alimentare Riminese (Caar).  

È l’obiettivo del protocollo di intenti sottoscritto a Bologna nella sede della Regione Emilia-Romagna tra i presidenti di Caab, Cal e Caar, rispettivamente Andrea Segrè, Marco Core e Mirco Pari, gli assessori comunali Davide Conte (Bologna), Gianluca Brasini (Rimini) e Marco Ferretti (Parma), alla presenza dell’assessore regionale al Commercio, Andrea Corsini

L’intesa, promossa dalla Regione, segna l’avvio di un progetto di aggregazione organizzativa ed operativa delle tre strutture, la cui principale attività è la gestione dei mercati ortofrutticoli all’ingrosso che sorgono nei rispettivi Comuni, che sono anche gli azionisti di maggioranza, con la Regione che detiene quote minoritarie del capitale delle società. 

L’Emilia-Romagna– afferma Corsini– dispone di una rete di 19 tra centri agroalimentari e mercati all’ingrosso: un patrimonio di valore per il servizio che offrono al sistema economico locale. Lo scenario in cui queste strutture operano negli ultimi tempi è tuttavia mutato profondamente, soprattutto per le grandi trasformazioni che hanno riguardato la distribuzione, sia quella al dettaglio, sia la Gdo. Di qui l’esigenza di fare rete, modernizzare e rilanciare il ruolo di queste strutture, puntando soprattutto sull’offerta di servizi innovativi, sulle sinergie operative per il contenimento dei costi gestionali e sul rafforzamento della collaborazione gestionale tra operatori pubblici e privati”.

Centri Agroalimentari: le priorità individuate 

Tra le principali nel protocollo sottoscritto, il trasferimento delle conoscenze e delle esperienze maturate dai Centri, il miglioramento della qualità dei servizi offerti a consumatori e operatori, la condivisione di soluzioni tecnologiche e organizzative, la partecipazione comune a fiere e congressi, la progettazione di soluzioni innovative in tema di e-commerce./G.Ma