E’ tutta on-line la Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte

Data07-09-2021
Orarioin giornata
Doveon line dal 7 al 10 settembre

Dal 7 al 10 settembre la 25ª Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte e dei Borghi d’Italia. Sul web l’evento più importante di promozione delle città d’arte e dei borghi d’Italia

logo borsa turismo citta arte

Giunta alla sua 25ª edizione, dal 7 al 10 settembre, torna la “Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte e dei Borghi d’Italia”, ma sarà tutta on-line.

Collegati da 17 Paesi del mondo, in particolare europei (Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Israele, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Spagna, Sud Africa e Ungheria), saranno 32 tour operator che potranno stringere accordi commerciali con imprenditori dell’offerta turistica italiana, in particolare emiliano-romagnoli, che si sono accreditati.

La manifestazione, promossa dalla Confesercenti, ha il sostegno di APT Emilia Romagna, delle Destinazioni Turistiche Bologna Città Metropolitana, Romagna ed Emilia, la collaborazione di ENIT e il patrocinio, fra gli altri, dei Ministeri dei Beni Culturali e del Turismo e degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, della Regione Emilia-Romagna, dei Comuni di Ferrara, Piacenza e di altri enti locali.

Il workshop commerciale B2B, vero fulcro della manifestazione, si svolgerà dal 7 al 9  settembre su un’apposita piattaforma, in grado di consentire lo svolgimento dei colloqui di business prefissati nella massima sicurezza, sfruttando al massino le opportunità che la tecnologia offre, dalla gestione telematica dell’agenda alla possibilità di condividere, visionare ecc., in maniera semplice, ogni tipo di materiale digitale. Saranno quindi tre, le giornate dedicate agli scambi commerciali rispetto alla tradizionale giornata.

A seguire i tour operator accreditati parteciperanno a un incontro riservato il 10 settembre, durante il quale, attraverso tour virtuali  da esperti operatori del turismo emiliano-romagnolo saranno accompagnati alla scoperta delle proposte dei territori delle tre Destinazioni Turistiche Regionali.

Per il vice-presidente Assohotel Confesercenti E.R. Paolo Mazza: “la voglia di tornare alla normalità è molta, e nonostante la profonda crisi dettata dall’emergenza sanitaria, gli operatori fremono per ripartire al più presto. Ben vengano quindi iniziative come la Borsa delle 100 Città d’arte che offrono un’opportunità concreta e una vetrina strategica per le nostre Città d’Arte e i nostri splendidi Borghi che, come dimostrano i dati sui nostri fatturati hanno e stanno accusando pesantemente gli effetti della pandemia. Questa iniziativa, ritengo vada sostenuta sinergicamente tra i privati e le istituzioni locali e nazionali, le cui scelte devono tenere conto degli effetti disastrosi di questi mesi sul settore turistico”.

Nella sua storia ultraventennale, la Borsa del  Turismo delle 100 Città d’arte – Arts and Events 100 Italian Cities – ha realizzato numeri importanti:

  • poco più di 2.300 i Tour Operator che hanno partecipato alle varie edizioni della Borsa, provenienti da ogni parte del mondo;
  • quasi 9.200 sono stati i Sellers provenienti da tutte le regioni d’Italia;
  • 600 sono stati i contatti commerciali realizzati all’interno delle varie edizioni per un valore stimato di oltre 24.000.000 euro;
  • 119 gli eductour realizzati (3 in modalità online) per far conoscere al meglio il territorio ai Tour Operator stranieri.