Torna la Notte Europea dei Ricercatori

logo notte ricercatori 2022
Data30-9-2022
Orariopomeriggio e sera
Dovein presenza varie sedi

Venerdì 30 settembre è di nuovo tempo della Notte Europea dei Ricercatori un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea fin dal 2005 che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i Paesi europei. L’obiettivo è di creare occasioni di incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca.

La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito delle azioni Marie Skłodowska-Curie, Grant Agreement n. 101061722 con l’obiettivo di promuovere le carriere dei ricercatori in Europa.

Quest’anno vuole lanciare a tutti un invito a cambiare prospettiva e a rivedere le proprie conoscenze sul mondo.

Notte Europea dei ricercatori. Gli eventi in Emilia-Romagna

Gli eventi: esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, mostre e visite guidate, conferenze e seminari divulgativi, spettacoli, concerti e performance artistiche. Il progetto Society riPENSAci porta la Notte dei Ricercatori a Bologna (Università e altre sedi di ricerca), campus Romagna (CesenaForlì e PredappioRavennaRimini) e Ateneo di Ferrara. Partecipano anche l’Università di Modena e Reggio (Unimore) e l’Università di Parma che è una delle 20 città italiane aderenti al progetto europeo LEAF, acronimo per “heaL thE plAnet’s Future” – cura il futuro del pianeta, coordinato da Frascati Scienza

Leaf future

Il filo conduttore di tutti gli appuntamenti sarà come creare consapevolezza sull’importanza della ricerca e dell’innovazione, nonché far crescere la fiducia nel lavoro dei ricercatori e delle ricercatrici.

Alcuni eventi sono segnalati con una piccola foglia verde: sono quelli che si riferiscono ai temi selezionati dal Green Deal dell’Unione Europea.Il Green Deal europeo o Patto Verde europeo è un insieme di iniziative politiche proposte dalla Commissione europea con l’obiettivo generale di raggiungere la neutralità climatica in Europa entro il 2050.

Le attività sono rivolte a bambini, ragazzi, studenti universitari, adulti. A chiunque sia curioso!

Focus sul  capoluogo, Bologna

ripensaci logo 2022

Le attività della Notte saranno moltissime, tutte in presenza gratuite, dalle 17.30 mezzanotte.

Quest’anno la sede sarà la nuova piazza Lucio Dalla. L’inaugurazione sarà alle 17.30 sul palco allestito nella piazza, con il Rettore dell’Università di Bologna, Giovanni Molari, l’assessore comunale Raffaele Laudani e l’assessore regionale Vincenzo Colla. I visitatori potranno camminare tra oltre 60 stand, organizzati dai vari istituti di ricerca.

Dalle 18 inizieranno le attività e si aprirà il palinsesto di spettacoli. Si susseguiranno un’esibizione della natura illustrata attraverso l’alchimia alle 18.45, uno spettacolo partecipativo sulle api alle 19.45, poi uno di danza acrobatica per riflettere sull’importanza del mare alle 21. Il palinsesto si concluderà alle 21.45 con la proiezione del film “Secrets of the surface” su Maryam Mirzakhani, unica donna ad aver vinto nel 2014 la Medaglia Fields.

Tra i vari appuntamenti ci sono anche le visite guidate “Bologna sulle tracce del giallo” (alle 19.30 e alle 21), per riscoprire la città attraverso narrazioni poliziesche. Sarà possibile anche prendere “un aperitivo scientifico“, assistendo a un esperimento e dialogando con i ricercatori.

Molte anche le attività legate ai temi della sostenibilità ambientale: dalle dimostrazioni informali alla caccia al tesoro. Grandi e piccini potranno muoversi virtualmente in tutta Italia (e non solo), mettendo alla prova le proprie conoscenze su astrofisica, vulcani, terremoti, atmosfera e clima (“Code Hunting Games“). Con “Cody Maze” si potrà giocare in un labirinto virtuale fatto di sfide di coding e quiz di astronomia, mentre con la “Pista delle biglie verticale” si potranno costruire piste gravitazionalmente impossibili.

Ci sarà anche un Planetario per viaggiare tra le meraviglie del Cosmo, restando comodamente seduti. In pdf il programma completo.

Gli stand

Le attività saranno suddivise in 3 macroaree, individuabili grazie all’allestimento realizzanto dagli studenti del corso di Scenografia Allestimenti museali e fieristici dell’Accademia di Belle Arti.

Saranno presenti laboratorigiochimostreesperimentiworkshop e piccole conferenze così divise: “interpretare il passato“, “esplorare il presente” e “immaginare il futuro“.

“Ripensaci”

Quest’anno l’invito che le ricercatrici e i ricercatori rivolgono ai cittadini è di cambiare prospettiva e rivedere le proprie conoscenze del mondo. Per questo il titolo dell’edizione 2022 è “Ripensaci“.

“L’invito è quello di riflettere sulla posizione che occupiamo nella società e alle nostre priorità “, spiega Alberto Credi, Prorettore alla ricerca dell’Università di Bologna. “Ad esempio, a seguito della crisi energetica ci si inizia a chiedere perché se aumenta il prezzo del gas aumenta anche la bolletta dell’elettricità. “Ripensaci” significa anche interrogarsi sulle ripercussioni delle nostre azioni sull’economia e sull’ambiente”.