Paola Silvi alla Presidenza di Ifoa

presidente e direttore IFOA

 

L’imprenditrice reggiana Paola Silvi, già membro del Consiglio di Amministrazione di IFOA, ha accettato l’incarico che la vede subentrare a Lorenzo Giberti, scomparso lo scorso novembre

Lorenzo Giberti era un amico molto stimato, che nutriva per IFOA affetto ed entusiasmo. Sono quindi onorata di accettare, malgrado la triste circostanza che mi porta all’incarico. È grande il vuoto lasciato da Loris, il modo migliore per onorarlo è da parte nostra un impegno ancora più forte verso IFOA e la sua mission”. Con queste parole Paola Silvi ha accettato la nomina dell’Assemblea a presidente di IFOA, succedendo così a Loris Giberti.

Anche Claudio Pasini, vice presidente di IFOA, ha rinnovato il profondo rammarico per la scomparsa di Giberti, importante punto di riferimento e sempre confermato presidente dal 2012.

Stefano Landi, commissario della Camera di Commercio di Reggio Emilia: “Voglio ricordare nuovamente Loris, persona positiva e determinata, al quale ero legato da particolare stima ed amicizia. Ringrazio Pasini per ciò che ha fatto in questi ultimi due mesi per IFOA e auguro a Paola Silvi il meglio per questo nuovo incarico”.

paola silvi

Paola Silvi è nota in città per aver fondato la storica Libreria all’Arco. È stata vice presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia.

Sono molto contento e soddisfatto della nomina di Paola Silvi e sono certo del contributo proficuo che darà a IFOA. Alla nostra nuova presidente va la piena fiducia dell’Assemblea e di tutto il nostro Ente”, così ha affermato il direttore di IFOA, Umberto Lonardoni

Il ricordo di Lorenzo Giberti del direttore Lonardoni 

GIBERTICi sono persone che diventano parte di noi e a cui non possiamo non voler bene. Persino sul lavoro può capitare e quindi al di fuori delle relazioni parentali o amicali, dove in qualche modo sembra più facile. Sono persone che non hai scelto, te le trovi al fianco, eppure riescono a diventare compagni veri della tua vita.

Per noi in IFOA, Loris Giberti, è stato presidente fin dal 2012, un ruolo importante e di responsabilità, eppure quello che è stato evidente fin da subito è che Loris non voleva solamente adempiere ad un compito formale ma voleva esserci compagno. Voleva essere uno di noi. E lo è stato davvero perché, come solo lui sapeva fare si è appassionato ad IFOA, alle persone che ci lavorano, ai ragazzi che la frequentano, ai progetti che facciamo. Insomma a noi.

Perché Loris era così, in ogni cosa della sua vita (chi ha avuto la fortuna di conoscerlo lo potrà raccontare): voleva conoscere, capire, giudicare, discutere, costruire, fare viaggi, mangiare, leggere, scherzare e tante altre cose che non faceva per calcolo ma con la gratuità dell’innamorato.

Insomma voleva vivere. Ma non vivere inutilmente. Vivere amando appassionatamente la realtà e le persone e per lui l’orizzonte di questa passione era infinito, non aveva limite.

Non era tiepido, sì, a volte era di parte, brusco e diretto, ma quanto abbiamo goduto di questo suo essere così profondamente uomo fino in fondo. Ora Loris ci ha lasciato, e avvertiamo fino in fondo il dolore lacerante di questo distacco, ma al contempo non possiamo che essere grati di questa compagnia inaspettata che ci ha fatto in tutti questi anni. Grazie di tutto, presidente Loris.

 

 

image_pdf