Crescita ormai strutturale

A fine 2017 le imprese straniere sono diventate 46.931, con un aumento del 2,5 per cento in un anno (+1.128 unità), allineato a quello nazionale. Ridotto l’aumento delle ditte individuali (+580 unità), mentre la normativa favorevole alle società a responsabilità limitata semplificata continua a fare volare le società di capitale (+13,4 per cento). La crescita si concentra nei servizi (+895 imprese, +3,8 per cento), in particolare di alloggio e ristorazione (+198) e del commercio (+196), ma accelera anche nella manifattura (+3,7 per cento).

Continua costante la crescita della base imprenditoriale estera regionale, con un ritmo analogo a quello nazionale. A fine 2017 le imprese attive straniere salgono a quota 46.931 (l’11,6 per cento del totale) con un aumento in un anno di 1.128 unità (+2,5 per cento). Segno rosso per le altre imprese che si riducono ancora sensibilmente (-1,1 per cento). L’apporto dell’imprenditoria straniera ha quindi contribuito significativamente ad attenuare la forte contrazione di quella autoctona, pur non riuscendo a ribaltare il segno negativo del saldo complessivo. Questi i dati più rilevanti dell’indagine sul Registro delle imprese delle Camere di commercio (InfoCamere) sulla presenza di imprese guidate da persone nate all’estero, elaborati dall’ufficio studi di Unioncamere Emilia-Romagna. Le imprese straniere diminuiscono in cinque regioni italiane, con le flessioni più rilevanti in Sicilia e Sardegna. L’aumento è più rapido in Campania (+5,9 per cento), Lazio e Liguria (+3,6 per cento per entrambe). L’Emilia-Romagna è ottava per crescita: tra le regioni con cui si confronta, l’incremento è più rapido in Lombardia (+3,2 per cento) e più contenuto in Veneto (2,3 per cento).

Attività economica. La tendenza alla crescita delle imprese straniere è dominante in tutti i macro settori. L’espansione nei servizi (+895 imprese, +3,8 per cento) traina quella complessiva e deriva meno dall’aumento nel commercio (+196 imprese, +1,7 per cento) quanto dal più rapido e più ampio incremento nell’aggregato degli altri servizi (+699 imprese, +6,0 per cento), tra i quali quelli di alloggio e ristorazione (+198 unità, +4,6 per cento). Accelera ulteriormente la crescita della base imprenditoriale estera dell’industria (+3,7 per cento, +177 unità), mentre continua la flessione delle non straniere. Invece, nelle costruzioni anche le imprese straniere riescono a crescere solo lievemente (+0,2 per cento).

Negli ultimi cinque anni, per le imprese estere si è affermato il ruolo dominante dei servizi: la quota delle imprese attive è salita di 5,5 punti percentuali, e ha raggiunto il 51,8 per cento del totale. Nello stesso periodo, si è ridotto il rilievo di tutti gli altri settori.

Il peso dell’industria in senso stretto è sceso di otto decimi di punto al 10,5 per cento e il rilievo delle costruzioni è crollato di 4,7 punti percentuali al 36,1 per cento, anche se il settore resta il più importante per le imprese estere.

La forma giuridica. La spinta alla crescita deriva ancora innanzitutto dalle ditte individuali (+580 unità, +1,5 per cento), pari l’82,2 per cento delle imprese straniere, nonostante gli effetti della crisi passata e la recente evoluzione demografica ne limitino lo sviluppo.

L’aumento deriva sempre più anche dalle società di capitali che crescono più rapidamente (+514 unità, +13,4 per cento), sostenute dall’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata semplificata. Questa ha contribuito però a contenere la dinamica delle società di persone (+0,6 per cento).

Aumentano anche le cooperative e consorzi (+2,1 per cento). Negli ultimi cinque anni, il rilievo delle società di capitale è aumentato di 3,7 punti percentuali, ovvero di oltre il 60 per cento, giungendo al 9,3 per cento. Al contrario il peso delle ditte individuali si è ridotto di 2,7 punti e di otto decimi di punto quello delle società di persone, sceso al 6,9 per cento. La quota delle cooperative e consorzi è rimasta sostanzialmente invariata all’1,5 per cento.

 

Imprese attive straniere in Emilia-Romagna, tasso di variazione per forma giuridica e macro settore di attività.
31 dicembre 2017

(1) Tasso di variazione percentuale tendenziale (sullo stesso periodo dell’anno precedente).
Elaborazioni Unioncamere Emilia-Romagna su dati InfoCamere Movimprese.

 

Ulteriori approfondimenti:

Analisi   

Dati nazionali, regionali e provinciali

Appendice statistica

 

Numero delle imprese straniere e tasso di variazione tendenziale delle imprese straniere e del totale delle imprese. Emilia-Romagna

Elaborazioni Unioncamere Emilia-Romagna su dati InfoCamere Movimprese

 

Serie storica della differenza tendenziale (sullo stesso trimestre dell’anno precedente) delle imprese attive straniere per forma giuridica delle imprese.

Elaborazioni Unioncamere Emilia-Romagna su dati InfoCamere Movimprese.

 

Serie storica della differenza tendenziale (sullo stesso trimestre dell’anno precedente) delle imprese attive straniere per settore di attività delle imprese.

Elaborazioni Unioncamere Emilia-Romagna su dati InfoCamere Movimprese.

 

Unioncamere Emilia-Romagna rileva e distribuisce dati statistici attraverso banche dati on line e produce e diffonde analisi economiche. Riepiloghiamo le principali risorse che distribuiamo on line.

http://www.ucer.camcom.it

Analisi trimestrali congiunturali:

Congiuntura industriale

Fatturato, esportazioni, produzione, ordinativi aggregati e per settori e classi dimensionali delle imprese.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/os-congiuntura

Congiuntura dell’artigianato

Fatturato, esportazioni, produzione, ordinativi dell’artigianato.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/os-congiuntura-artigianato 

Congiuntura del commercio al dettaglio

Vendite e giacenze aggregati e per settori e classi dimensionali delle imprese.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/os-congiuntura-commercio

Congiuntura delle costruzioni

Volume d’affari e produzione aggregati e per classi dimensionali delle imprese.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/os-congiuntura-costruzioni

Demografia delle imprese – Movimprese

La demografia delle imprese, aggregata e per forma giuridica e settore di attività.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/demografia-imprese

Demografia delle imprese – Imprenditoria estera

Stato e andamento delle imprese estere, disaggregati per forma giuridica e settore di attività.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/imprenditoria-estera

Demografia delle imprese – Imprenditoria femminile

Stato e andamento delle imprese femminili, disaggregati per forma giuridica e settore di attività.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/imprenditoria-femminile

Demografia delle imprese – Imprenditoria giovanile

Stato e andamento delle imprese giovanili, disaggregati per forma giuridica e settore di attività.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/imprenditoria-giovanile

Esportazioni regionali

L’andamento delle esportazioni emiliano-romagnole sulla base dei dati Istat.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/esportazioni-regionali

Scenario di previsione Emilia-Romagna

Le previsioni macroeconomiche regionali a medio termine. Unioncamere Emilia-Romagna e Prometeia.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/scenario-previsione

Analisi semestrali e annuali:

Rapporto sull’economia regionale

Un costante monitoraggio dell’economia regionale. A fine settembre, le prime valutazioni. A fine dicembre, l’andamento dettagliato dell’anno, le previsioni e approfondimenti. A fine giugno il consuntivo..

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/analisi/rapporto-economia-regionale

Banche dati:

Banca dati on-line di Unioncamere Emilia-Romagna

Free e aggiornati dati nazionali, regionali, provinciali e comunali, relativi a economia, lavoro, giustizia, società, istruzione, sanità, previdenza, assistenza, infrastrutture, popolazione, ambiente e altro ancora.

http://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/dati/bd


Redazione Econerre

Econerre è una rivista di attualità e analisi economica dedicata all’Emilia-Romagna che offre un panorama completo e aggiornato dell’economia emiliano-romagnola, esperienze aziendali, scenari evolutivi, settori produttivi, internet, innovazione, ricerca, internazionalizzazione, POR FESR Emilia-Romagna 2014-2020. attività della Regione Emilia-Romagna e delle Camere di commercio. La pubblicazione on line propone approfondimenti, studi e indagini dell’Ufficio Studi di Unioncamere Emilia-Romagna come l’indagine congiunturale trimestrale, export, agro-alimentare, turismo.