Ambienti “digitali, ecologici e sociali” Modena Smart Life 2021

modena smart life
Data23-09-2021
Orario
DoveModena sedi varie fino al 26 settembre

Dal 23 al 26 settembre tempo di Modena Smart Life 2021, festival della cultura digitale 

È dedicata agli “Ambienti: digitali, ecologici, sociali” l’edizione 2021 di Modena Smart Life, il festival della cultura digitale che si svolge tra giovedì 23 e domenica 26 settembre con 59 appuntamenti e oltre un centinaio di relatori, in gran parte in presenza o con formula ibrida (www.modenasmartlife.it). Il tema scelto consentirà una riflessione, anche alla luce dell’ esperienza vissuta con la pandemia, sulle diverse realtà in cui si sviluppano oggi le esistenze individuali e collettive, su di una società caratterizzata da dinamiche, flussi e relazioni con sempre maggiore intensità e dove le persone vivono contemporaneamente in più ambienti, appunto, digitali, ecologici e sociali.

Sono argomenti che saranno affrontati già nell’incontro inaugurale di giovedì 23 settembre (ore 17.30, chiesa di San Carlo) quando, dopo i saluti istituzionali, verrà presentato il progetto multimediale “Eartphonia”, con un dialogo tra il presidente della Fondazione San Carlo, Giuliano Albarani e il fondatore dei Subsonica, Max Casacci.

Nei giorni successivi gli appuntamenti affronteranno le diverse questioni che attraversano i rapporti tra ecologia, digitalizzazione e socialità. A uno sguardo sugli scenari prossimi venturi – a cavallo fra transizione ecologica, innovazione digitale e benessere sociale – saranno dedicate, per esempio, le conferenze “Dopo la globalizzazione. Proposte per un mondo nuovo” del sociologo Paolo Perulli (venerdì alle 17.30), “Frate Sole e Sora Luna” del vescovo e vice presidente della Cei Erio Castellucci (sabato alle 21) e “Sostenibilità. Una rivoluzione su consumi, povertà e disuguaglianze” dell’economista Andrea Segrè (domenica 26 alle 17).

Modena Smart Life 2021, il ruolo degli enti pubblici

Il festival della cultura digitale si propone una riflessione sull’ intreccio e sulle relazioni tra diversi ambienti, oggi tra loro sempre più interconnessi, presentando anche esperienze concrete di innovazione in vari campi di azione, spesso governate dagli enti locali: dalla Pubblica amministrazione alla formazione, dalla sostenibilità ambientale all’ industria, fino al territorio urbano e alla produzione culturale. Per i promotori, infatti, solo mettendo in stretta correlazione questi tre aspetti – naturale, sociale, digitale – potremo creare ambienti di vita più accoglienti e confortevoli, fondati sulla compresenza di reti “fisiche” e reti tecnologiche. Il ruolo della pubblica amministrazione nella gestione della transizione ecologica e digitale sarà al centro di alcuni appuntamenti organizzati da Unimore (relativi a telemedicina, pratiche di cura, ambiente e salute) e non manca uno sguardo alla dimensione internazionale con l’incontro sul “Nuovo (dis)ordine mondiale digitale: un mondo più piccolo, un mondo più pericoloso?” (venerdì alle 14.30) nel quale intervengono Federico Petroni (Limes), Michele Colajanni (Università di Bologna), Luca Zorloni (Wired), Alfredo Peri (presidente di Lepida ScpA), Armando Sternieri (Ceo Energee3). L’ appuntamento, introdotto dal presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna Giovanni Rossi fa parte dei seminari di formazione per i giornalisti. Alle “Conseguenze politiche del nuovo mercato degli algoritmi” (venerdì, ore 16), inoltre, è dedicato l’evento con il direttore del  quotidiano Domani Stefano Feltri e il giornalista Andrea Daniele Signorelli, mentre l’economista Alfredo Roma si occuperà di “Recovery plan, quel che serve per rendere l’Italia davvero smart” (sabato, ore 11.30) e la giurista Vitalba Azzolini, insieme all’economista Giorgio Ardeni, di una “Transizione ecologica che può essere solo radicale. E digitale” (sabato alle 16). Anche sul tema della rigenerazione urbana si concentreranno diverse iniziative, attraverso la presentazione di esperienze e progetti legati a mobilità sostenibile, riqualificazione ambientale, residenzialità e nuove opportunità dell’abitare smart e sostenibili. Alle “Sfide e opportunità del Pnrr per città smart e sostenibili” è dedicato un talk proposto da WINDTRE (venerdì, ore 11.30), al quale parteciperanno anche l’assessore della Regione Emilia-Romagna, Paola Salomoni (Scuola, Università, Ricerca, Agenda digitale) e Roberto Basso, direttore External Affairs & Sustainability dell’azienda di tlc. Verranno illustrate le nuove possibilità messe a disposizione dal recovery fund per le realtà territoriali, anche attraverso l’esempio del progetto 5GMeta che utilizza i dati acquisiti dalle auto per favorire lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi in ambito automotive.

WINDTRE, inoltre, attraverso il corner interattivo “Smart City& Smart Life Experience” consentirà di svolgere un’esperienza nel mondo dell’Iot e dei Big Data con demo dedicate, ideate per le aziende, la Pubblica amministrazione e i cittadini.

La riflessione sugli orizzonti del lavoro, sulle trasformazioni degli ambienti aziendali, sulle pratiche di consumo e sugli sviluppi della produzione industriale (manifattura, fashion e molto altro) sarà al centro di appuntamenti promossi da enti e associazioni del territorio quali Democenter, Confindustria Emilia, Cna Modena, Confesercenti Modena, Comitato unitario permanente degli Ordini e dei Collegi professionali della provincia di Modena.

I partner

Il programma della manifestazione, alla sesta edizione, è stato presentato in una conferenza stampa dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli, con l’assessora alla Smart city, Ludovica Carla Ferrari, e dai rappresentanti degli altri cinque enti promotori insieme al Comune: oltre ad Albarani, per la Fondazione San Carlo anche il direttore Carlo Altini; per l’Università di Modena e Reggio Emilia, il prorettore Gianluca Marchi; per la Fondazione di Modena, Grazia Ghermandi; per Democenter, il presidente Roberto Zani; per la Camera di commercio il presidente Giuseppe Molinari e il segretario generale Stefano Bellei.

Il festival si svolge con la collaborazione di Forum PA, il sostegno di BPER Banca e WINDTRE e la sponsorizzazione di numerose imprese, attive sul territorio in svariati ambiti legati a innovation technology, digitale, formazione e sostenibilità, che saranno protagoniste di appuntamenti nell’ambito della programmazione come lo saranno anche i media partner: l’emittente Trc e il quotidiano Domani. Alcuni degli appuntamenti sono stati inoltre realizzati in collaborazione con la Società Editrice Il Mulino di Bologna. Oltre alla Fondazione Collegio San Carlo, sono diversi i luoghi della città coinvolti nelle iniziative, tra i quali Ago Modena Fabbriche Culturali, il Diurno di piazza Mazzini, FEM – Future Education Modena, Laboratorio Aperto. A Memo, il Multicentro educativo Sergio Neri saranno ospitate, in collaborazione con la Palestra Digitale Makeitmodena, attività legate al mondo delle scuole e alle loro esperienze di innovazione. Presso Spazio F, inoltre, sarà allestita la media room del Festival, animata da una diretta radio non-stop realizzata da “Radio FSC”, la radio degli studenti del Collegio San Carlo, in collaborazione con Unimore, dirette video a cura di Forum PA, interviste e altri appuntamenti speciali.