L’Emilia-Romagna al “TTG-Travel Experience” di Rimini

pubblico al ttg

Dal 10 al 12 ottobre l’offerta turistica emiliano-romagnola si promuove alla rassegna internazionale di settore TTG-Travel Experience in programma alla Fiera di Rimini. Settanta operatori turistici regionali  ospitati in uno stand di 720 metri quadrati coordinato da Apt Servizi Emilia Romagna

Il turismo dell’Emilia-Romagna, con le sue eccellenze, si presenta alla rassegna internazionale “TTG-Travel Experience”, in programma dal 10 al 12 ottobre alla Fiera di Rimini.

Sono settanta gli operatori turistici emiliano romagnoli che saranno ospitati nel grande stand di 720 metri quadrati (Padiglione A5/C5) coordinato da Apt Servizi Emilia-Romagna (l’iniziativa è realizzata nell’ambito dei Fondi europei 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna – POR FESR).

rendering stand Emilia-RomagnaTra le aziende presenti, il parco agroalimentare FICO Eataly World che avrà una postazione personalizzata, così come ciascuna delle Destinazioni Turistiche regionali: “Bologna-Modena”, “Emilia” e “Romagna”. Il grande spazio espositivo dell’Emilia-Romagna – dove campeggiano immagini di prodotti turistici regionali trasversali al territorio, presentati anche attraverso la proiezione di video – è arricchito da una reception, una zona per le animazioni enogastronomiche, un open bar, un “selfie point” (che ha come sfondo immagini turistiche regionali), un’area dedicata all’ufficio stampa e alle media relation.

Sulle pareti dello stand campeggiano i titoli conquistati dall’Emilia-Romagna nel settore viaggi e vacanze, quale ad esempio “Best in Europe 2018”, l’annuale report di Lonely Planet sulle 10 destinazioni europee assolutamente da non perdere secondo il team di esperti della regina delle guide turistiche, che quest’anno ha messo la nostra Regione al vertice della classifica.

 “TTG-Travel Experience”: le opportunità dell’Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna, nei giorni della rassegna, rilancerà le “mille” opportunità di esperienze turistiche, con al centro l’offerta delle città d’arte, dei borghi e castelli, del turismo balneare, termale, verde e en plein air, delle eccellenze della Food, Motor e Wellness Valley. Un’attenzione particolare sarà data all’offerta turistica del segmento bike. Nel 2019 l’Emilia-Romagna sarà protagonista di punta del Giro d’Italia (con la partenza della kermesse da Bologna il 19 maggio, cui seguiranno le tappe che toccheranno Riccione, Ravenna, Modena e Carpi) e ospiterà numerosi appuntamenti di grande caratura.

L’intensa attività promozionale regionale lanciata a TTG proseguirà, in Italia e all’estero, nel  corso di tutto il 2019, con alle spalle i buoni risultati turistici raggiunti nel 2017, riconfermati quest’anno.

Nel 2017, in Emilia-Romagna, ci sono stati – in base ai dati dell’Osservatorio Turistico regionale realizzato da Unioncamere ER per la Regione in collaborazione con Trademark Italia – 12milioni e 812mila arrivi (+7,1% rispetto al 2016) per un volume di presenze che hanno raggiunto “quota” 56milioni e 949mila (+6,3%). Un trend di crescita che si è confermato anche nei primi sette mesi del 2018, con arrivi e presenze in aumento rispettivamente del +5,9% (7milioni e 794mila) e del +4,3% (30milioni e 474mila).

La partecipazione a questa importante rassegna – commenta Andrea Corsini, assessore al Turismo dell’Emilia-Romagna  – è la prima grande occasione per avviare la nostra azione promozionale per il 2019. L’obiettivo sarà un’ulteriore crescita delle quote internazionali, in virtù del riscontro positivo di quest’ultimo triennio. E’ strategica, in questo senso, l’individuazione di nuovi segmenti di mercato capaci di arricchire l’offerta regionale, via via, più varia e composita. Parallelamente ai tre principali cluster di prodotto, continueremo a sviluppare slow travel e bike tourism, valorizzando per la prima volta anche il turismo accessibile senza barriere. Prevediamo anche il lancio di nuovi percorsi culturali e accattivanti itinerari gastronomici: tematiche di grande appeal che ormai attraggono turismo dodici mesi all’anno contribuendo attivamente alla crescita di occupazione e PIL regionale”.