MEC SPE: prove tecniche di futuro

La nuova edizione della kermesse sulla via italiana alla fabbrica digitale e all’industria 4.0 di Parma al quartiere fieristico dal 22 al 24 marzo per mettere in mostra tutte le principali novità in fatto di automazione, digitalizzazione e robotica applicati al mondo produttivo, in quello che si è ormai affermato come l’evento di riferimento in fatto di innovazione nell’industria manifatturiera in Italia

 

L’edizione 2018 di MEC SPE, la più importante vetrina per le aziende della meccanica in grado di fornire una panoramica sui nuovi materiali, tecnologie e macchine innovative, si preannuncia particolarmente ricca e dinamica, in grado di offrire un’esperienza sempre più coinvolgente, con nuove iniziative volte a rendere ancora più sinergico e attivo il percorso dei visitatori.

Tutto questo a partire da una migliore suddivisione all’interno delle Fiere dei suoi 12 saloni tematici e da un padiglione tutto nuovo che garantirà un’esplorazione più agevole e un migliore orientamento del pubblico in visita.

Notevoli i numeri della manifestazione: più di 2mila le aziende espositrici, ben 58 i convegni e i workshop e 110mila i metri quadrati di spazi espositivi per offrire un quadro completo ed esauriente di tutti i materiali, le macchine e le tecnologie che saranno parte integrante delle nostre fabbriche del domani.

Essere al MEC SPE significa per le aziende avere la possibilità di fare del networking con le realtà più innovative del panorama industriale e accademico, di condividere competenze e capacità professionali e infine, ma non meno importante, di sentirsi parte attiva della produzione di eccellenza del nostro Made in Italy.

Nel 2017, oltre 45mila persone hanno attraversato i cancelli della Fiera di Parma, attratte da tecnologie incredibili ma ormai disponibili, come la realtà aumentata e la stampa 3D. Il fulcro di tutto l’evento sarà la Fabbrica digitale 4.0, che con nove filiere e oltre cinquanta partner sarà una vetrina sulle novità relative all’ integrazione digitale e i sistemi dell’industria di domani.

Tra le tematiche principali di quest’ area che si potranno toccare con mano ci sono la connettività e gli strumenti per la piccola impresa, la robotica collaborativa in un ambito di produzione parametrizzata e di piccoli lotti, lo sviluppo del prodotto con la metodica 4.0, la simulazione di prodotti e processi, la tracciabilità, la manutenzione l’additive manufacturing e la logistica 4.0. Tra i protagonisti dell’area ci sarà, naturalmente, il mondo della meccanica, con al centro un interessante progetto di fabbrica olistica che coinvolge 15 aziende e che ha l’obiettivo di fornire una rappresentazione della manifattura del futuro, dalla lavorazione al montaggio: un luogo in cui i robot saranno in equilibrio con l’ elemento umano, che dovrà mantenere la sua naturale centralità.

Quello del nuovo rapporto fra uomo e macchina è, infatti, notoriamente l’aspetto più problematico e spinoso che la quarta rivoluzione industriale porta con sé, e che determina uno scenario inedito che sta travolgendo una secolare e radicata impostazione del lavoro e visione dell’ uomo. A proposito di robot e di intelligenza artificiale: in quest’area sarà possibile persino sedersi a un vero bar tecnologico, dove i visitatori potranno essere serviti da un barista molto speciale, un robot collaborativo.

Il secondo salone per dimensioni della fiera è invece quello della subfornitura meccanica, con 400 aziende presenti e con le principali associazioni di settore come Confartigianato CNA e Api. Moltissimi gli spazi e le iniziative in programma nella tre giorni di Parma, fra cui si segnala anche un’ iniziativa green come l’Arena dell’economia circolare 4.0, un ciclo di incontri sul tema delle materie plastiche e del riutilizzo dei flussi di materiale, a cui le tecnologie dell’industria 4.0 possono dare un importantissimo contributo.

MECSPE è anche un luogo di formazione: la mattina del giorno dell’ inaugurazione, il 22 marzo, andrà in scena l’ ultima tappa dei ‘Laboratori Mecspe Fabbrica Digitale, la via italiana della fabbrica 4.0’, un evento che sta attraversando tutti i territori che affrontano il percorso di adesione al Piano nazionale industria 4.0 e in cui imprenditori e opinion leader ospiti raccontano la grande trasformazione in atto in questi anni nelle fabbriche italiane.

Tra le novità di questa edizione, CNA Produzione nazionale ha predisposto con l’ICE-Agenzia la promozione all’estero delle imprese italiane di meccanica attraverso un progetto di incoming, destinato a imprese del settore meccanica, automazioni industriali, chimica e gomma plastica che coinvolgerà operatori dei Paesi del Nord Europa.

promuove un progetto di incoming con operatori del Nord Europa,

Sono oltre una novantina su base regionale associate CNA che, attraverso l’accordo di partnership tra CNA e Senaf, partecipano al salone MEC SPE di Parma.