Tag: previsioni

Una ripresa graduale

  L’Emilia-Romagna nelle posizioni di vertice (+6,9 per cento) nel 2021 per la ripresa graduale dell’economia. La crescita attesa nel 2022 è più contenuta (+4,1 per cento). Gli investimenti traineranno la ripresa, sostenuta anche dall’export. Costruzioni e servizi guidano la risalita. La crisi ha ridotto le forze di lavoro e l’occupazione

Continua a leggere

Il vento della ripresa spinge l’economia dell’Emilia-Romagna

In ripresa l’economia dell’Emilia-Romagna, ma per un recupero pieno dei livelli pre-pandemia occorre attendere la fine del 2022.  Presentato a Bologna il Rapporto 2021 realizzato da Regione e Unioncamere Emilia-Romagna, basato anche su stime Prometeia. Pil: +6,5% quest’anno, attorno al +3,8% il prossimo

Continua a leggere

Prove di ripartenza per l’industria manifatturiera, ma resta aperta l’incognita della “seconda ondata”

Nel terzo trimestre 2020 l’industria emiliano-romagnola aveva avviato un percorso di ripartenza che progressivamente l’avrebbe riportata ad avvicinare la situazione pre-covid come evidenzia l’indagine congiunturale, realizzata in collaborazione tra Unioncamere Emilia-Romagna, Confindustria Emilia-Romagna e Intesa Sanpaolo. Il rapido diffondersi della seconda ondata e le misure di contenimento hanno rallentato lo slancio

Continua a leggere

Per crescita in testa, ma si prospetta un rallentamento

La stima della crescita del PIL nel 2018 vede l’Emilia-Romagna prima tra le regioni italiane, sostenuta dalle esportazioni e dal ciclo positivo degli investimenti, ma ne prospetta un calo nel 2019. L’occupazione aumenta più delle forze lavoro, la disoccupazione si riduce rapidamente nel 2018 e molto più gradualmente nel 2019.

Continua a leggere

Rapporto 2018 Economia: Emilia-Romagna ancora prima per crescita

Nei dati del Rapporto 2018 economia presentato a Coriano (Rn), nella Comunità San Patrignano, l’Emilia-Romagnaancora ai vertici per crescita tra le regioni italiane. Lo studio realizzato da Unioncamere e Regione con il contributo di Aster ed Ervet, e le stime di Prometeia. A fine anno Pil +1,4% e disoccupazione al 5,9%. 

Continua a leggere