Bbg, gli occhiali più belli del mondo a Mirandola

il team occhiali Marà Busoli

La Bbg fu messa in ginocchio dal terremoto, oggi vince il premio Oscar dell’ottica con un suo prodotto realizzato interamente nel Modenese

di Antonella Cardone

Gli occhiali più belli del mondo? Si fanno a Mirandola. L’azienda mirandolese Bbg ha vinto il Gran premio del Silmo, l’Oscar mondiale dell’ottica che si è tenuto a Parigi. Un successo ampliato dal fatto che la sede della Bbg crollò durante il sisma 2012, e qui morirono tre persone. Il lutto non si dimentica, le mura sono state ricostruite, l’azienda riprese presto la produzione, nel 2015 ha inaugurato il nuovo stabilimento ricostruito anche grazie ai 5 milioni di euro arrivati dalla Regione Emilia-Romagna per la ricostruzione post sisma e oggi si è tagliato questo importante traguardo. L’azienda di meccanica di precisione, 34 lavoratori, è in crescita: ha chiuso il 2017 con 4,8 milioni di euro di fatturato, ovvero +25% rispetto all’anno precedente: vende a Bellco, Sorin, Tetrapak, gruppo IMA, gruppo GD. Negli ultimi anni c’è stata anche un’apertura verso il mondo della Formula Uno, creando particolari quindi per Ferrari, Toro Rosso, Dallara, Ducati.

Bbg e il brand Morà Busoli

Con la volontà di creare nuove strade di business e il coraggio di aprirsi a dinamiche totalmente estranee alla propria realtà storica, dal 2016 ha dato vita a una sezione specializzata in occhiali, che ha il suo brand Morà Busoli. In poco tempo è diventata una delle aziende più prestigiose al mondo del settore, lanciando linee innovative di occhiali in fibra di carbonio e marmo.

Arrivare in finale al Gran Premio Silmo ha lasciato increduli tutti a Mirandola e ci si è ritrovati a competere con le firme storiche e più prestigiose al mondo.
A Parigi, Morà Busoli ha portato il modello Venti, delizioso occhiale da vista in leggero marmo lavorato a mano che la severa giuria ha giudicato, per la categoria “Optical Frame / Eyewear Designer”, come il miglior occhiale da vista al mondo: la Bbg ha sbaragliato tutti.

Il telaio, chiamato “Venti” e disegnato da Patrick Hoet e appartenente alla collezione Hoet, è un audace restyling della forma pantos studiata come omaggio al centenario della sua creazione. “Venti” è ora ufficialmente il miglior telaio di design ottico al mondo per l’anno 2018-2019. “Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno collaborato con noi nella realizzazione di questo sogno”, commentano dall’azienda.

Cosa c’è dietro Morà Busoli

Il successo è merito anche delle scelte di Paola Busoli, direttrice marketing del brand Morà Busoli. Sua la decisione di assoldare in squadra il celebre designer belga Patrick Hoet e la costruzione di una vasta rete commerciale che può contare 5 distributori, 11 agenti e che vende gli occhiali di Mirandola in Svizzera, Francia, Belgio, Olanda, Gran Bretagna, Portogallo, Spagna, Stati Uniti, Canada, Antille, Hong Kong, Singapore e Giappone.

La realizzazione di queste piccole opere d’arte inizia con la selezione di materiali “prestigiosi e unici come ogni singolo pezzo delle nostre collezioni – raccontano dall’azienda – Ogni dettaglio deriva dalla combinazione di tecnologie sofisticate e creatività. Le forme armoniche sottolineano il design della perfezione. Il processo lungo e meticoloso caratterizza l’esclusività delle nostre produzioni”.

Gli occhiali vengono lavorati “al 100% a Mirandola all’interno della nostra società. Perfino il packaging (astuccio, scatola, pezzuole) sono totalmente italiane, per me è molto importante difendere il 100% made in Italy su un prodotto di questo livello”, commenta Paola Busoli

La scommessa degli occhiali è stata vinta, e subito una nuova è stata buttata sul piatto: la certificazione aerospaziale. Infatti, per lavorare nella creazione di motori, di elicotteri o aeroplani, così come per lavorare in campo militare, è necessario avere la certificazione ufficiale 9100. Ottenuta quella, si può aprire una nuova fetta di mercato collaborando ad esempio con Airbus e Boeing. Chi ha intrapreso questa strada, sta avendo molte soddisfazioni. E se con gli occhiali è andata da premio Oscar, con lo spazio si potrà volare ancora più alto.

 

Il video suL premio Silmo d’Or a