Camera di commercio di Ravenna: c’è il Rating di Legalità

Il segretario generale Maria Cristina Venturelli sul premio ricevuto a Roma

“E’ arrivato inaspettato. E’ stata una piacevole sorpresa”.

Così Maria Cristina Venturelli, segretario generale dell’ente di viale Farini, commenta il riconoscimento ricevuto qualche giorno fa a Roma alle Scuderie del Quirinale, il Primo Premio Rating di Legalità delle Pubbliche Amministrazioni, categoria Camere di Commercio.

In pratica, l’ente camerale di Ravenna è stato giudicato il primo a livello nazionale nella rete Camerale, visto che il riconoscimento istituito dall’associazione Italian digital revolution (AIDR) presieduta da Mauro Nicastri, è distinto per settori della P.A.

Il Premio, unico nel suo genere, è conferito annualmente dall’Associazione Italian Digital Revolution alle prime tredici Pubbliche Amministrazioni centrali e locali selezionate attraverso un software dedicato che, interrogando oltre 40.000 siti web delle pubbliche amministrazioni centrali e locali, verifica la presenza dei requisiti previsti dal Regolamento incentrati sul rispetto delle più recenti normative sulla trasparenza, digitalizzazione e legalità, e assegna a ciascuna un tasso percentuale di copertura e quindi punteggi.

“E’ un motivo di orgoglio per la Camera di commercio ricevere questo prestigioso riconoscimento – afferma Maria Cristina Venturelli – perché ad aiutare la valutazione della giuria è stato un software capace di verificare dati e struttura della sezione “Amministrazione trasparente” presente nei siti istituzionali delle pubbliche amministrazioni, in modo quindi assolutamente oggettivo e scientifico, sulla base di algoritmi”.  

Tutte le informazioni acquisite dall’applicazione sono state incrociate, poi, con quelle rese disponibili dall’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) per calcolare il tasso di rispondenza a quanto previsto dal decreto legislativo 33/2013 e dalla legge 190/2012 rispetto ai contenuti pubblicati sul web.

La cerimonia, condotta dalla giornalista RAI Maria Antonietta Spadorcia insieme al presidente AIDR, si è svolta alla presenza di autorità nazionali, magistrati e giornalisti.

“Per la Camera di commercio di Ravenna il premio è il frutto di un costante, condiviso e proficuo lavoro di squadra dei dipendenti, sostenuti nella loro azione da amministratori illuminati e sensibili, nell’ottenere e consolidare risultati positivi in termini di efficienza e trasparenza della nostra azione amministrativa, sempre nell’ottica del sostegno alle imprese. – aggiunge Maria Cristina Venturelli – E’ un punto di arrivo, ma anche di partenza, uno stimolo a migliorare ancora i processi amministrativi attraverso l’uso delle tecnologie. Questo per favorire il monitoraggio degli indicatori sulla trasparenza, l’aggiornamento continuo della sezione “trasparenza” del sito e la realizzazione della giornata della trasparenza online quale canale, sempre attivo, a disposizione degli utenti attraverso cui accedere alle informazioni, comunicare e inviare idee e suggerimenti. Un grande ringraziamento va ai dipendenti, a cui mi corre l’obbligo di dedicare questo brillante risultato”.

Gli altri premiati

Oltre alla Camera di commercio di Ravenna, i vincitori di questa prima edizione sono stati: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Inps, Istat, regione Marche, Provincia di Imperia, i Comuni di Bologna, Pentone (Catanzaro), Canino (Viterbo), Università degli studi di Siena, Azienda sanitaria locale di Asti, Camera di commercio di Ravenna, Azienda ospedaliera ospedali riuniti Marche nord e l’Istituto comprensivo di Castellucchio (Mantova). Il riconoscimento consiste in un’opera realizzata dagli studenti del liceo artistico “Silvio Lopiano” di Cetraro (Cosenza).

Sulla via della fusione con Ferrara

La Camera di commercio di Ravenna, presieduta da Natalino Gigante e amministrata dal Segretario generale Maria Cristina Venturelli, conta su 61 dipendenti, e si accinge ad affrontare la difficile sfida della riforma del sistema camerale che ne ha ridisegnato assetti territoriali e funzioni. Si distingue a livello nazionale per l’efficienza e l’orientamento alla qualità e al cliente e alla tutela ambientale. Dal 1999 infatti l’ente camerale ha conseguito la certificazione di qualità ISO9001 e dal 2014, seconda Camera d’Italia, la registrazione Emas in campo ambientale.