Home > Flash News > Fashion Valley, al via la mappatura degli archivi pubblici e privati

Fashion Valley, al via la mappatura degli archivi pubblici e privati

L’iniziativa Fashion Valley ha l’obiettivo di rilanciare la manifattura di questo comparto rendendola sempre più capace di affrontare i nuovi mercati globali, coniugando ricerca, innovazione e nuove tecnologie all’identità del prodotto e del territorio in cui è realizzato. Tra le attività programmate si inserisce un’azione di mappatura degli archivi pubblici e privati che in Emilia-Romagna raccolgono e organizzano il patrimonio di conoscenza legato al settore del Fashion, per valorizzarne la presenza sul territorio regionale, promuoverne le attività e favorirne la messa in rete.

E’ possibile partecipare a questa operazione di mappatura con il proprio archivio Compilando il questionario entro il 31 maggio 2018 e segnalare altre realtà che possono prendere parte a questa iniziativa, scrivendo all’indirizzo e-mail:martina.lodi@aster.it

La mappatura è realizzata dalla Regione Emilia-Romagna con il supporto operativo di Aster e del Clust-ER regionale Industrie Culturali e Creative.

Il settore del tessile e dell’abbigliamento in regione vede complessivamente tra le sue fila 5.811 imprese (i dati Unioncamere Emilia-Romagna a fine 2017 ) e ha nel distretto di Carpi uno dei suoi punti di maggiore aggregazione a livello sia produttivo sia di marketing e politiche di vendita visto che siamo alla vigilia della quinta edizione di Moda makers che è stata ospitata nel nuovo Carpi Fashion System Expo dal 15 al 17 maggio con importanti novità.

Negli ultimi tre giorni, il Distretto di Carpi si è quindi posto di nuovo all’attenzione del mondo con Moda Makers il grande evento del distretto del tessile abbigliamento del territorio nel nuovo polo espositivo Carpi Fashion System Center.

Moda Makers 2018

A tagliare il nastro, insieme “Iniziative come quella di oggi rientrano nel pieno spirito della Fashion Valley, ne riassumono l’essenza e rappresentano appieno il potenziale. Del resto, ci insegna come insieme si possa ricominciare dalla nostra identità per coinvolgere nuovi mondi e proiettarci nel futuro. In breve, contribuisce a dare slancio ad un comparto motore di quella industria della creatività che il mondo ci invidia e un interlocutore privilegiato con cui condividere la passione che ci contraddistingue per proiettarci nel futuro”: queste le parole di Palma Costi, assessore regionale alle Attività produttive al taglio del nastro assieme al sindaco del Comune di Carpi Alberto Bellelli, al vicesindaco e assessore all’Economia Simone Morelli, e Roberto Bonasi, presidente di Expo Modena, ente organizzatore dell’evento.

Moda Makers, sostanzia l’azione a sostegno del Distretto della moda carpigiano grazie a Comune, Associazioni di categoria, Fondazione CR Carpi, Camera di Commercio di Modena, Regione Emilia-Romagna e imprese. Moda Makers rappresenta solo un tassello di quel sistema-Carpi che passa dalla formazione, con il nascente Polo della Creatività,

Sessanta le aziende partecipanti, migliaia di proposte di confezione, maglieria, tagliato, camiceria e capispalla, con centinaia di visitatori da oltre 40 Paesi del mondo.

Un profilo delle aziende e delle loro collezioni è disponibile sul sito modamakers.it