Home > Eventi > EnERgie Diffuse: settimana promozione Cultura

EnERgie Diffuse: settimana promozione Cultura

Data7-10-2018
Orario
PressoEmilia-Romagna

Oltre 400 eventi nella grande iniziativa Energie diffuse realizzata dalla Regione nell’ambito dell’Anno europeo del Patrimonio culturale. Dagli spettacoli agli Open day gratuiti in teatri, archivi, musei e biblioteche

Con una festa tutta musicale, che coinvolgerà le bande e i cori e le scuole di musica della regione, si apre a Bologna domenica 7 ottobre alle ore 18 la Settimana di promozione della Cultura “EnERgie Diffuse” in Emilia-Romagna, fino al 14 ottobre, con oltre 400 eventi. Open day di musei, teatri e archivi, spettacoli, mostre, convegni, concorsi, performance e inaugurazioni: la realtà culturale dell’Emilia-Romagna sarà in primo piano e alla portata di tutti da Rimini a Piacenza. L’iniziativa è promossa dalla Regione Emilia-Romagna, assieme ai Comuni e alle realtà culturali del territorio per celebrare l’Anno europeo del Patrimonio culturale 2018.

“Una settimana importante, che impreziosisce il già ricco tessuto culturale dell’Emilia-Romagna, terra che è sinonimo di cultura, sviluppo e dinamismo delle idee- commenta il presidente della Regione, Stefano Bonaccini-. La creatività e l’economia che guarda e che nasce dalla cultura continuano a essere uno dei punti di forza del nostro programma, che ci ha portato a investire triplicando le risorse destinate al settore, realizzando nuove leggi per il cinema e la musica a sostegno degli operatori e del sistema, senza dimenticare quella sulla Memoria del Novecento. Un impegno di squadra, condiviso con associazioni e istituzioni che sta dando frutti importanti. La settimana di EnERgie Diffuse sarà  un momento di riflessione e una vetrina delle eccellenze sostenute da queste politiche”.

Energie Diffuse: l’inaugurazione a Bologna

Sarà la banda Rulli Frulli ad aprire l’”Onda sonora”, che animerà il centro di Bologna domenica dalle 14,30, in un susseguirsi di concerti di vari generi musicali che coinvolgeranno 18 gruppi, tra orchestre, delle scuole, bande e cori regionali, tra piazza del Nettuno, piazza Maggiore e il cortile di palazzo d’Accursio. E sarà da guinness dei primati, quando gli 800 musicisti concluderanno tutti assieme la kermesse musicale alle 18, con la direzione del maestro Mirco Besutti, suonando l’Inno alla Gioia di Ludwig van Beethoven (inno europeo). L’iniziativa è organizzata in collaborazione con le associazioni Aerco, Anbima e Assonanza.

“Un’occasione unica- afferma l’assessore regionale alla Formazione e Coordinamento delle politiche europee Patrizio Bianchi– per diffondere la conoscenza musicale tra i giovani che la Regione Emilia-Romagna sostiene, con la collaborazione delle scuole di musica, come importante volano di integrazione sociale e crescita culturale”.

Alle 17,30 gli interventi di Massimo Mezzetti, assessore regionale alla Cultura e alle Politiche giovanili della Regione e Patrizio Bianchi, assieme all’assessore alla Cultura del Comune di Bologna Matteo Lepore, per l’inaugurazione ufficiale sul palco allestito in piazza Maggiore.

“Portiamo la cultura fuori dai luoghi canonici, nelle piazze, alla portata di tutti- commenta l’assessore Massimo Mezzetti– perchè avvertiamo la necessità di renderla accessibile, con qualsiasi mezzo, per farla divenire parte integrante delle città e della nostra identità. Siamo convinti che dalla cultura e dalle sue energie e creatività possa nascere un’economia più innovativa e competitiva”.

Energie diffuse: principali appuntamenti della settimana a Bologna


Il 7 ottobre sarà anche la giornata dei Teatri in Piazza, la festa dei teatri bolognesi, prevista dalle 10 alle 19 in piazza Verdi, con incontri, letture, concerti, laboratori. Per la prima volta verranno presentate insieme le stagioni dei teatri di Bologna e dell’area metropolitana.

Palazzo Poggi in via Zamboni, ospiterà l’8 e 9 ottobre dalle 17 alle 20, IN/FINITO, un progetto di danza e fotografia: sei giovani coreografi (Saul Daniele Ardillo, Damiano Artale, Hektor Budlla, Philippe Kratz, Roberto Tedesco, Diego Tortelli) hanno creato delle micro-performance per singolo danzatore che sono state fotografate dai fotografi dell’Associazione Terzo Tropico, Spazio Labò e Pino Ninfa. Le immagini saranno in mostra nel corridoio di palazzo Poggi. Ogni giorno poi, dalle 17 alle 20, saranno proposte dal vivo le sei performance di danza.

Sempre l’8 e 9 ottobre nell’Aula Absidale di Santa Lucia si svolgerà “Attivare la cultura” con tre convegni tematici: “Accendere la cultura spegne le paure” (9,30- 13,30) sul ruolo della cultura nel rapporto tra i popoli, nella costruzione dell’identita europea e come grande mediatrice a livello internazionale; L’Europa muove la musica (15-18) , dove verrà fatto il quadro delle azioni europee in corso, in particolare del progetto Music Moves Europe che la Commissione Europea ha lanciato nel 2018 nell’ambito del programma Europa Creativa; “Patrimonio culturale: percorsi per attivare un bene comune (9 ottobre 9,30 – 13) rivolti a cittadini, operatori, amministratori, studenti, professionisti dell’informazione sul senso e il valore delle politiche per l’attivazione della cultura e patrimonio nell’epoca della globalizzazione, dell’intelligenza artificiale, della rivoluzione dell’industria 4.0.

logo energie diffuse

Energie diffuse: appuntamenti in regione

Il 13 ottobre a Forlì è il momento degli Stati generali della creatività, una giornata dedicata alla creatività giovanile, all’impresa culturale e alla scoperta della “orange economy”. Saranno presenti docenti universitari, rappresentanti della Regione Emilia-Romagna, l’Associazione Ga/ER, l’Agenzia di Sviluppo territoriale Ervet, per la presentazione dell’aggiornamento della ricerca “Economia arancione in Emilia-Romagna”, realizzata da Ervet, con le città emiliano romagnole e le realtà che si sono distinte nella realizzazione di progetti pilota sui temi delle professioni e imprese culturale creative. Flaviano Celaschi, presidente del Clust-ER Industrie Culturali e Creative, illustrerà gli obiettivi e le finalità di questa comunità.

Dal 10 al 12 ottobre, a Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Bologna, si svolge “Giovani Rigenerazioni creative. Remixing Cities III”, momento di riflessione su progetti nazionali e regionali di rigenerazione urbana ed anche terza tappa del progetto Remixing Cities. In particolare a Reggio Emilia, mercoledì 10 ottobre, si indagherà il contesto territoriale dei percorsi di rigenerazione urbana; a Modena, giovedì 11 ottobre, si focalizzerà l’attenzione sulla sostenibilità a medio e lungo termine di questi percorsi, mentre a Ferrara, venerdì 12 ottobre, si affronterà il tema del dualismo tra percorsi di rigenerazione urbana e norme e procedure. Il pomeriggio di venerdì 12 ottobre, a Bologna, sarà inaugurato lo spazio MACbo, recuperato grazie a un finanziamento erogato dall’Anci nel 2016 e destinato ad ospitare giovani artisti e creativi.
In quest’ambito anche l’11 ottobre, a Modena, aprirà La Torre del Centro Musica di Modena, che sarà sede per l’attività di giovani del territorio che operano nell’ambito musicale, teatrale e delle arti visive. Il convegno “è organizzato da Anci, Regione Emilia-Romagna, Ga/ER, Gai (Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani) e i Comuni di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia.

Informazioni sui singoli convegni sul portale www.emiliaromagnacreativa.it