Home > Focus > Scenari > Digitale in Emilia-Romagna: a tu per tu con Blutec eccellenza regionale

Digitale in Emilia-Romagna: a tu per tu con Blutec eccellenza regionale

E’ Digitale la keyword per il futuro delle imprese. La fotografia dell’Emilia-Romagna e il parere degli esperti. Il caso Blutec a Rimini

Digitale e imprese: in Emilia Romagna a che punto siamo? Se lo sono chiesto, di recente, la Regione Emilia-Romagna, Unioncamere regionale e l’Università di Modena e Reggio Emilia. In collaborazione con la rete dei PID (Punti impresa digitale) delle Camere di commercio è stata avviata la prima indagine su territorio regionale sul tema della maturità digitale , a oggi mediamente raggiunta dal tessuto imprenditoriale locale. Dal campione di oltre 1600 imprese coinvolte nello studio, emerge come, in Emilia-Romagna, il grado di maturità digitale sia tra i più alti in Italia e che cresca all’aumentare della dimensioni delle aziende, tra i 250 e i 499 addetti.  Econerre.it ha dunque pensato di approfondire il tema con la Blutec di Rimini, esempio di eccellenza per la gestione digitalizzata delle risorse umane.

Eccellenze digital: il caso Blutec da Rimini

L’ultima indagine Excelsior di Unioncamere Italiana evidenzia come il 60,4% della futura forza lavoro deve possedere una cultura digitale di base (utilizzo di internet, strumenti di comunicazione digitale, ecc.) e il 36,2% dei nuovi occupati, invece, abilità «avanzate» (utilizzo delle tecnologie 4.0, ecc.). Blutec, fondata a Rimini nel 2000 da Luciano Vignoli, si distingue in Emilia-Romagna per il suo alto livello di digitalizzazione e innovazione.

La sede di Blutec, a Rimini

Qual è la vostra ricetta vincente? Un’attenzione particolarea tutte le innovazioni continue nell’information technology, che obbliga a non fermarsi mai, innanzitutto- commenta Mirco Vignoli –Fondamentale senz’altro la scelta di investire nel reparto di Sviluppo Software e di inserire in azienda una figura responsabile della ricerca di finanziamenti rivolti all’innovazione. Ed infine la collaborazione tra loro ci ha permesso di capitalizzare gran parte delle risorse attribuite alla ricerca e sviluppo. Gli interventi di investimento messi in atto in ambito di digitalizzazione dell’impresa – continua – ci permettono di garantire continuità lavorativa e di business, di migliorare l’efficienza e la flessibilità operativa per noi e per i nostri clienti in  modo da poter conciliare maggiormente i tempi di vita personale e professionale“.

Digitale VS capitale umano: come gestirli al meglio

Nel 2005 Blutec sigla un importante accordo di collaborazione con il Gruppo Zucchetti Spa e consolida così la propria attività nel campo delle risorse umane. In pochi anni Blutec si afferma come specialista di soluzioni e nuove idee per la gestione digitalizzata del personale.

Come e perché le aziende possano trarre beneficio da maggiore digitalizzazione nella gestione del capitale umano? “Un approccio diffuso, che ritroviamo nelle aziende con cui entriamo in contatto, è la tendenza ad investire particolarmente nella digitalizzazione degli strumenti e dei processi di produzione, a scapito delle altre funzioni aziendali. Solo negli ultimi periodi, stiamo riscontrando un’attenzione crescente da parte del management al mondo delle Risorse Umane” sottolinea Vignoli che aggiunge “In realtà, la digitalizzazione della gestione del personale permette alle aziende di focalizzarsi sui dipendenti, attraverso piani di professionalizzazione e di crescita delle competenze. Questo aumentando la fidelizzazione dei collaboratori ed esternalizzando i processi in outsourcing in modo da recuperare risorse. Nell’ambito delle risorse umane si evidenzia uno spartiacque importante tra le aziende di taglio grande e le piccole e medie imprese. La tendenza è  di trovare un’attenzione particolare nelle aziende strutturate rispetto alle tematiche risorse umane e, quindi, la volontà di avviare dei progetti strutturati di digitalizzazione. Al contrario, le PMI, molto spesso necessitano di un affiancamento maggiore nello sviluppo delle gestione del personale e si limitano ad implementare lo stretto necessario“.

Il team di Blutec

Cosa aspettarsi? “Le persone tornano al centro”

L’imprenditoria emiliana-romagnola è pronta crescere in termini maturità digitale nel prossimo futuro, secondo Blutec?  “Noi siamo convinti che sia in atto un cambiamento che coinvolgerà tutto il panorama imprenditoriale. Se negli ultimi anni abbiamo vissuto l’era della tecnica e della specializzazione, stiamo per passare nell’era della persona al centro. Le aziende dovranno evolversi in modo da differenziarsi e costruire un vantaggio competitivo“.

Ponte di Tiberio, Rimini

Riviera Romagnola: quanto è digitale il comparto turistico?

Recentemente ha fatto notizia la gestione delle risorse umane stagionali nel comparto turistico della Riviera Romagnola. Blutec ha sede a Rimini: secondo la vostra esperienza, oggi i suoi operatori turistici quanto sono aperti all’innovazione delle imprese attraverso la digitalizzazione? “Il settore turistico è tra quelli che gestiamo meno. Risulta ancora molto frammentato e con poche realtà industrializzate. Per cui il tema della digitalizzazione della gestione delle Risorse Umane, anche a causa del continuo turn over di personale, fatica ad essere sviluppato. Senz’altro, nelle esperienze che abbiamo vissuto direttamente, ciò che si evidenzia in queste aziende è la volontà di velocizzare i piani di digitalizzazione incentrati sul miglioramento dei servizi, sia nell’introduzione di software gestionali sia in ambito marketing” conclude Mirco  Vignoli.

image_pdf