Le imprese emiliano-romagnole testimonial di Reinwaste

Esempi virtuosi nella riduzione dei rifiuti inorganici nella filiera agroalimentare con il progetto Reinwaste

Ferrari Giovanni Industria Casearia, Società Agricola Elefanti, Società Agricola Due Querce, Allevamento zecca del carzeto, Azienda Agricola Giaroli e Azienda Agricola Maestri sono le imprese emiliano-romagnole che hanno scelto di partecipare all’azione pilota del progetto Reinwaste per poter sviluppare e poi testare in azienda soluzioni innovative per la riduzione dei rifiuti inorganici lungo le filiere produttive, candidandosi al bando lanciato nel 2019 dai partner di progetto.

Attraverso il progetto infatti, le aziende selezionate hanno potuto usufruire di un servizio di supporto all’innovazione per analizzare, insieme a un Team di esperti, le possibili strategie per limitare la produzione di rifiuti non organici e intercettare soluzioni innovative da integrare ai protocolli di produzione, dalla riprogettazione di prodotti e processi all’utilizzo di materiali bio-based.

Reinwaste: il servizio in due fasi

Una prima di screening delle esigenze dell’impresa, una seconda di testing che ha prodotto un piano aziendale personalizzato e uno studio di fattibilità relativo all’applicazione delle soluzioni innovative individuate.

Reinwaste dimostra che un approccio di innovazione aperta in cui le imprese collaborano, dialogando con il sistema della ricerca industriale grazie a iniziative ad hoc di scambio e condivisione che includono Analisi del Ciclo di Vita dei prodotti e metodologie ancora poco conosciute nelle piccole e medie imprese, è fondamentale per avviare la transizione verso un sistema produttivo sostenibile. 

In questo video, le aziende raccontano la loro esperienza

image_pdf