Cpl Concordia torna all’utile

il presidente di Cpl Concordia, Barbieri

La cooperativa modenese Cpl Concordia aumenta i dipendenti e vince il premio innovazione con Lamborghini. Ha così superato un momento di crisi legato ai guai giudiziari della vecchia dirigenza 

di Antonella Cardone

I numeri di bilancio vertono al positivo, i dipendenti sono in crescita, i mercati si allargano e arriva anche l’oscar europeo della cogenerazione, ottenuto con un progetto portato avanti con Lamborghini, a certificare la rinascita di Cpl Concordia dopo i guai giudiziari dei vecchi vertici.

Nel giro di pochi anni, la cooperativa di Concordia del settore energia ha rinnovato tutta la dirigenza superando un periodo buio in cui anche i sindaci erano scesi in piazza per mostrare il loro supporto e chiedere che venisse riammessa alla White List, l’elenco delle imprese “pulite” che possono partecipare ai bandi pubblici. Quando questo è avvenuto, è iniziata la rinascita.

Il bilancio Cpl Concordia

La traversata è stata lunga, ma pare ora definitivamente alle spalle. L’ultimo bilancio semestrale ha avuto un netto aumento, i 160 milioni di euro con una crescita di 42 milioni rispetto al giugno 2018. L’utile netto tocca i 10,7 milioni (più 9 milioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno). Significativi riscontri positivi anche dall’indebitamento, con una posizione finanziaria netta che scende a 66 milioni di euro, con una diminuzione di 34 milioni rispetto al 30 giugno 2018. Ripercussioni positive ci sono state anche sull’occupazione: in un anno sono state fatte 300 assunzioni e oggi i dipendenti di Cpl Concordia sono più di 1.500.

I dati del primo semestre confermano che la cooperativa cresce in modo strutturato sia nel fatturato che nell’utile”, sottolinea il presidente di Cpl Paolo Barbieri. “Vogliamo consolidare lo sviluppo e l’occupazione perseguendo nuove opportunità di business nelle tecnologie gas in Italia e all’estero, nel Gas Naturale Liquefatto, nell’efficientamento energetico, anche grazie a collaborazioni qualificate con grandi partner privati”.

Tra contratti riconfermati e nuove acquisizioni il portfolio lavori pluriennale registra un incremento ad oltre 770 milioni di euro: fra le commesse di rilievo spiccano l’impianto di cogenerazione e teleriscaldamento a servizio del Depuratore di Pero (MI) e la costruzione reti gas in Sardegna.

Lo sviluppo delle commesse ha spinto la crescita dell’occupazione che a giugno 2019 ha toccato quota 1580 addetti, nuovo record per la cooperativa in 120 anni di attività, con 300 nuovi assunti negli ultimi 12 mesi.

Il premio con la Lamborghini

Un impianto di trigenerazione e teleriscaldamento di nuova generazione, alimentato con energia rinnovabile. Con questo progetto realizzato per Automobili Lamborghini, Cpl Concordia ha vinto il corrispondente del premio Oscar per l’innovazione nella cogenerazione. Ha infatti ricevuto il premio “Cogen Europe 2019 Recognition Award” nella categoria “Market Development (organization)”.

Cogen Europe, l’associazione europea di promozione della cogenerazione, si è espressa attraverso una giuria qualificata composta da professionisti dell’industria, della politica e da ricercatori con vasta competenza nel settore cogenerazione ed energia.

Il riconoscimento di Cogen Europe, premiando un ambizioso e prestigioso progetto realizzato in sinergia tra aziende leader del territorio emiliano, valorizza oltre 30 anni di attività di Cpl Concordia e l’importante know how sviluppato nella cogenerazione, rendendoci particolarmente orgogliosi”, commenta il direttore Generale di Cpl, Pierluigi Capelli.

Impianto Lamborghini

Il progetto si compone di due elementi: un impianto di trigenerazione composto da due moduli di cogenerazione alimentati a gas metano per produrre calore ed elettricità accoppiati a due assorbitori per il raffrescamento; una rete di teleriscaldamento di 6 km che collega lo stabilimento Lamborghini ad un impianto di sfruttamento energetico di biogas attraverso la cogenerazione. Grazie all’energia prodotta dall’impianto di trigenerazione e a quella recuperata dal teleriscaldamento alimentato da fonte rinnovabile, nel 2018 Automobili Lamborghini SpA ha coperto il 34% del fabbisogno energetico aziendale realizzando un importante saving energetico di oltre 1,4 Ktep di energia primaria risparmiata ed evitando l’emissione in atmosfera di oltre 1.000 tonnellate di CO2 equivalenti.

Il ricorso alla cogenerazione ha inoltre contribuito in maniera sostanziale al raggiungimento da parte di Automobili Lamborghini, come prima azienda al mondo, della certificazione CO2 neutrale tramite il programma “Carbon Neutrality” di DNV GL. CPL CONCORDIA e Automobili Lamborghini SpA credono fortemente nella sostenibilità ambientale, adottando quotidianamente le direttive e la filosofia alla base di standard internazionali quali le ISO 14001 e 50001.

impianto di trigenerazione

I nuovi mercati

Cpl Concordia è anche andata in missione con Italgas in Cina. Selezionata fra i migliori business partner di Italgas, la multiservizi modenese ha preso parte al quinto China LNG & Gas international summit ed è intervenuta al workshop dedicato al mercato del gas naturale liquefatto, alla presenza dei colossi energetici cinesi e di player del gas provenienti da Australia, Singapore, Portogallo.

L’intento dichiarato della delegazione di Italgas e dei suoi principali fornitori è esportare le eccellenze italiane della distribuzione gas naturale attraverso l’accordo siglato con State Grid Corporation of China che prevede, tra l’altro, la condivisione di conoscenze, metodi e soluzioni applicati al settore energetico, in particolare nel settore della distribuzione del gas naturale.

Evento in Cina

Abbiamo accettato con entusiasmo l’invito a prendere parte alla missione imprenditoriale di Italgas in Cina”, dichiara il presidente di Cpl Concordia Paolo Barbieri. “Abbiamo presentato a una platea internazionale la nostra esperienza di oltre 60 anni come fornitori di servizi e impianti per il gas. Abbiamo riscontrato un interesse crescente, in particolare nel settore del Gnl, il Gas Naturale Liquefatto”.

Cpl Concordia, con il suo know how consolidato nelle reti gas e infrastrutture energetiche, vanta il primo impianto di rigassificazione a GNL realizzato in Sardegna per un’industria privata e sta realizzando altri progetti in tutto il nord Italia, che comprendono anche la fornitura di combustibile attraverso la società controllata Polargas.

La nostra presenza al summit cinese, per la quale siamo grati a Italgas – conclude Barbieri – è parte integrante della strategia di sviluppo all’estero che CPL vuole intraprendere per rafforzare la sua crescita nel core business energetico e delle reti tecnologiche”.

image_pdf